Il cacao invade le foreste protette ghanesi e ivoriane
7 Giugno 2023 – 21:47

Africa, 7 giugno 2023
La coltivazione del cacao è direttamente collegata alla perdita di 386.000 ettari di foreste situate in aree protette in Costa d’Avorio e Ghana tra il 2000 e il 2020. A sostenerlo, un …

Leggi articolo intero »
Home » Africa

Metà dei giovani in Africa pensa di non fare figli a causa del clima

a cura di in data 10 Novembre 2022 – 22:45Nessun commento

 

Africa, 10 novembre 2022

Quasi la metà dei giovani in Africa ha affermato di aver riconsiderato la possibilità di avere figli a causa del cambiamento climatico, secondo i risultati di un sondaggio dell’Unicef su 243.512 intervistati in tutto il mondo tramite la piattaforma U-Report.

di Tommaso Meo

A livello globale, 2 giovani su 5 hanno affermato che l’impatto dei cambiamenti climatici li ha portati a riconsiderare il loro desiderio di creare una famiglia. Questa preoccupazione era più alta nelle regioni africane, con la percentuale più alta di giovani che ha riferito che stanno riconsiderando la possibilità di avere figli in Medio Oriente e Nord Africa (44%) e nell’Africa subsahariana (43%). I giovani in entrambe le regioni hanno riferito di aver subito una serie di shock climatici e, più di altri giovani a livello globale, hanno affermato che questi shock hanno avuto un impatto sul loro accesso al cibo e all’acqua, nonché sul reddito della loro famiglia.

“Gli impatti dei cambiamenti climatici sono con noi ora, ma sono molto più di inondazioni, siccità e ondate di caldo. Si estendono al nostro stesso senso di speranza”, ha affermato Paloma Escudero, capo della delegazione dell’Unicef presente alla Cop27 in corso a Sharm el-Sheikh, in Egitto. “Soprattutto in Africa, i giovani stanno vedendo l’impatto che questi shock stanno avendo su se stessi e su coloro che amano e sta cambiando i loro piani per il futuro. Ma non è necessario. Alla Cop7, i leader mondiali devono ascoltare questa ansia dei giovani e agire immediatamente per proteggerli” ha aggiunto

L’anno scorso, un sondaggio pubblicato da The Lancet ha rilevato che il 39% dei 10.000 intervistati nel mondo era riluttante ad avere figli, una percentuale simile a quella del sondaggio Unicef. Sebbene la metodologia dell’Unicef utilizzi un campione non rappresentativo, si ritiene che la piattaforma U-Report, con la sua vasta rete di giovani in Africa, sia la prima a dimostrare la prevalenza di questo atteggiamento in Africa.

A livello globale, oltre la metà degli U-Reporter che hanno risposto al sondaggio afferma di aver sperimentato siccità o caldo estremo. Uno su 4 afferma di aver subito inquinamento atmosferico, 1 su 4 ha subito inondazioni,1 su 6 ha subito frequenti forti temporali o cicloni e 1 su 10 incendi. Due rispondenti su 5 hanno poi affermato di avere meno cibo da mangiare a causa del cambiamento climatico. La percentuale più alta di giovani che ha segnalato questo impatto è stata nell’Africa subsahariana (52%), seguita da Medio Oriente e Nord Africa (31%).

Un intervistato su 4 ha affermato che la fonte di reddito della propria famiglia è stata influenzata dal cambiamento climatico. Questo risultato è stato più diffuso in Medio Oriente e Nord Africa (34%), seguiti dall’Africa subsahariana (32%). Una persona su 5 ha affermato che stava diventando più difficile ottenere acqua pulita. Questo risultato è stato prevalente in Medio Oriente e Nord Africa (35%), seguiti da Asia orientale e Pacifico (30%). Tre persone su 5 hanno preso in considerazione l’idea di trasferirsi in un’altra città o paese a causa del cambiamento climatico. Ciò è stato segnalato da ben il 70% degli intervistati in Medio Oriente e Nord Africa e il 66% in America Latina e Caraibi.

Oltre a fare pressioni sui governi e le grandi imprese affinché riducano rapidamente le emissioni, l’Unicef esorta i leader a prendere provvedimenti immediati per proteggere i bambini dalla devastazione climatica adattando i servizi sociali critici su cui fanno affidamento. Le misure di adattamento, come la creazione di sistemi idrici resistenti alle inondazioni e alla siccità, salveranno vite umane. Alla Cop27, “devono presentare una tabella di marcia credibile” per fornire “almeno 300 miliardi di dollari all’anno per l’adattamento entro il 2030”. L’Unicef esorta inoltre le parti a trovare soluzioni per sostenere coloro che dovranno affrontare perdite e danni climatici oltre i limiti di ciò a cui le comunità possono adattarsi.

L’Unicef chiede inoltre ai governi di colmare il divario finanziario per affrontare questi cambiamenti irreversibili per i bambini. “Si parla molto di decisioni politiche, ma non è questa la posta in gioco qui alla Cop27″, ha affermato Escudero. “Questo sondaggio chiarisce che il futuro dei giovani è nell’aria: se hanno figli, se lasciano i loro paesi, quanto bene sopravvivono ai pericoli che devono affrontare. Per il loro bene, il successo alla Cop27 deve essere misurato dalla fornitura di finanziamenti a lungo promessi per aiutare le comunità ad adattarsi e dallo sviluppo di soluzioni per rispondere a perdite e danni”.

(Tommaso Meo)

 140 total views,  1 views today