Il cacao invade le foreste protette ghanesi e ivoriane
7 Giugno 2023 – 21:47

Africa, 7 giugno 2023
La coltivazione del cacao è direttamente collegata alla perdita di 386.000 ettari di foreste situate in aree protette in Costa d’Avorio e Ghana tra il 2000 e il 2020. A sostenerlo, un …

Leggi articolo intero »
Home » Africa

Senegal, l’allarme di Amnesty sui maltrattamenti dei talibé

a cura di in data 13 Dicembre 2022 – 20:49Nessun commento

 

Africa, 13 dicembre 2022

L’organizzazione Amnesty international critica le autorità senegalesi, invitandole ad adempiere ai loro obblighi e agire per porre fine alle violazioni dei diritti di alcuni bambini talibé, ovvero gli studenti delle scuole coraniche comunemente note come daaras. L’organizzazione che difende i diritti umani lo ha dichiarato in un briefing sulla situazione dei bambini talibé.

di Céline Camoin

Lo sfruttamento economico dei bambini talibé attraverso l’accattonaggio forzato, che costituisce una forma di tratta, le punizioni corporali che subiscono e le loro dure condizioni di vita violano i loro diritti all’integrità fisica, alla salute e a vivere una vita senza alcuna forma di violenza fisica o mentale, lesioni o abuso, negligenza o incuria, maltrattamento o sfruttamento, denuncia Amnesty.
“Il Senegal si è ripetutamente impegnato a porre fine all’accattonaggio forzato dei talibé e a migliorare le condizioni di vita nei daaras. Gli sforzi sono stati compiuti in questa direzione, ma rimangono insufficienti. Il governo deve fare di più su questo tema, in consultazione con tutti gli attori interessati, al fine di porre fine alle sofferenze dei bambini talebé”, ha affermato Samira Daoud, direttrice regionale di Amnesty International per l’Africa occidentale e centrale.
I bambini talibé vengono affidati – a volte molto piccoli – dalle loro famiglie a maestri coranici per l’apprendimento del Corano. Molto presenti nei centri urbani, sono spesso costretti a mendicare per il loro mantenimento e quello del loro padrone. Non ci sono statistiche ufficiali sul numero di bambini talibé. Tuttavia, si stima che a Dakar ci siano più di 2.000 daara, con una forza lavoro di quasi 200.000 talibé, il 25% dei quali pratica l’accattonaggio forzato, secondo una mappatura dell’Ong Global Solidarity Initiative (GSI) pubblicata nel 2018.
Le condizioni antigeniche di molti daara e la mancanza di interesse mostrato da alcuni insegnanti coranici per il benessere dei bambini portano a gravi problemi di malnutrizione e salute. “La salute è un grosso problema nei daara, in particolare le malattie della pelle e l’igiene orale. Spesso questi bambini hanno enormi ascessi in bocca, che non vengono curati, perché non c’è un vero monitoraggio del loro benessere”, testimonia il capo di una Ong che si occupa della protezione dei bambini talibé.
Questi ultimi sono costretti inoltre a subire maltrattamenti da parte di alcuni insegnanti coranici o dei loro assistenti. Gli insegnanti coranici hanno confermato ad Amnesty International che l’incatenamento dei piedi è una pratica comune e applicata in particolare ai bambini in fuga per impedirne i movimenti.
Nel gennaio 2022, un talibé di 10 anni è morto per le ferite nel distretto di Lansar a Touba, dopo essere stato picchiato dal suo maestro coranico che gli rimproverava di non aver imparato la lezione del giorno. Questa violenza molto spesso rimane impunita, a causa in particolare della mancanza di controllo dei daara, delle risorse insufficienti per i servizi di protezione dell’infanzia e dello status degli insegnanti coranici all’interno della società.
“Quando ero un talibé, uno dei miei compagni di classe che era nella mia stessa daara, balbettava e parlava male. Un giorno, mentre faticava a recitare, il maestro lo colpì in testa con la tavoletta di legno. Morì due giorni dopo. Ora che sono più grande e fornisco assistenza infermieristica ai bambini, penso che sia morto per un’emorragia cerebrale dopo quelle percosse”, ha detto un ex talibé.
Il fenomeno dell’accattonaggio forzato dei bambini talibé si basa su un sistema di reclutamento nel Paese ma anche a livello sub-regionale – insegnanti coranici e bambini talibé provenienti da alcuni paesi vicini come Gambia e Guinea Bissau, che è spesso simile a un sistema di tratta di minori a scopo di sfruttamento economico. Il coordinatore del Progetto per combattere lo sfruttamento e l’accattonaggio dei bambini talibé (Plemet), Issa Saka, ha rivelato nel 2016 che il fenomeno porterebbe 5,475 miliardi di FCFA all’anno agli insegnanti coranici, solo per la regione di Dakar.
Secondo la legge relativa alla lotta alla tratta di persone e pratiche assimilate e alla protezione delle vittime adottata dal Senegal nel 2005 “chiunque organizza l’accattonaggio altrui al fine di trarne profitto assume, forma o dirotta una persona con un al fine di consegnarla all’accattonaggio o di costringerla a mendicare o a continuare a farlo è punito con la reclusione da 2 a 5 anni e con la multa Tuttavia, questa legge viene applicata raramente.

(Céline Camoin)

 207 total views,  1 views today