La fame di cemento delle città africane
6 Giugno 2021 – 21:52

Africa, 6 giugno 2021
Il cemento, materiale resistente, che non richiede particolare manutenzione, sta modellando e cambiando il volto delle città africane. Dietro le distese di blocchi grigi, la cui produzione risulta fra le sorgenti di …

Leggi articolo intero »
Home » Info Cooperazione

Al via un nuovo ciclo per la cooperazione europea: ecco cosa cambia alla Commissione

a cura di in data 26 Gennaio 2021 – 21:56Nessun commento

Info Cooperazione, 26 Gennaio 2021 – Alla fine del 2019, quando si è insediato l’attuale Collegio dei Commissari della Commissione europea, erano in corso diversi cambiamenti nella politica di cooperazione internazionale dell’UE. La presidente Von der Leyen ha inviato a Jutta Urpilainen una lettera di missione per il suo nuovo incarico di Commissaria per i Partenariati Internazionali (precedentemente intitolato per la cooperazione internazionale e lo sviluppo). Quella lettera affermava chiaramente la necessità di passare da una “rapporto donatore-destinatario” a un “partenariato tra pari” tra l’UE ei paesi in via di sviluppo.

Questa settimana, circa un anno e mezzo dopo, in linea con il cambio di paradigma proposto, un altro importante cambiamento è diventato pienamente effettivo. L’ormai ex direzione della Commissione europea per la cooperazione e lo sviluppo (DG DEVCO) si è trasformata nella Direzione Generale per i Partenariati Internazionali (DG INTPA). Diversi rappresentanti dell’UE hanno lodato sui social media il passaggio a questa nuova fase. Nel suo blog, la commissaria Urpilainen ha sottolineato l’urgenza che la Commissione europea aumenti la sua ambizione di essere un attore geopolitico di rilievo. Nell’ordine globale di oggi, le potenze europee sembrano perdere terreno a vantaggio di alcuni paesi emergenti competitivi, primo fra tutti la Cina. Alcune priorità della sua azione, sostiene, devono riflettere un mondo più complesso e trovare un posto più importante nelle azioni esterne dell’UE, in primis la trasformazione digitale, la lotta contro le crescenti disuguaglianze e il cambiamento climatico.

Il nuovo organigramma della DG INPTA
Con questa nuova etichetta la DG INTPA ha presentato il suo nuovo organigramma, una struttura che riflette non solo la visione espressa dalla Commissaria Urpilainen, ma anche alcune recenti tendenze più ampie nella politica di sviluppo dell’UE. Nel dicembre 2020, l’UE ha finalmente approvato un nuovo strumento – il cosiddetto Strumento di Vicinato, Sviluppo e Cooperazione Internazionale (NDICI) – per il nuovo ciclo di bilancio dell’UE 2021-2027. L’NDICI è, per molti versi, innovativo. Oltre il 75% dei suoi fondi sono programmi geografici, con uno stanziamento di almeno 29,18 miliardi di euro per l’Africa subsahariana. Il passaggio ai programmi geografici (a scapito di quelli tematici) trova riscontro nell’organigramma della DG INTPA: le Direzioni saranno ora geografiche e si occuperanno rispettivamente di Africa (A), America Latina, Caraibi e OCT (B) e Medio Oriente, Asia e Pacifico (C).

Dal punto di vista tematico, il Green Deal e la digitalizzazione dell’UE, due delle cinque nuove priorità geopolitiche dell’attuale Commissione europea, hanno scalato i ranghi e ora hanno l’intera Direzione (F) in carica. Nella nuova struttura, la finanza innovativa e privata per lo sviluppo ha uno spazio più importante che in passato. Un terreno su cui l’UE non ha grande familiarità: negli ultimi anni, la Commissione europea ha posto l’accento sul ruolo del settore privato nello sviluppo e ha sempre più sostituito le sovvenzioni ai paesi partner con prestiti. Questa tendenza si riflette nel bilancio dell’UE e parte, ad esempio, della risposta globale dell’UE al Covid-19.

L’unità responsabile dell’agenda per l’efficacia dello sviluppo (D1 nella DG INTPA) sarà ora responsabile del cosiddetto “approccio Team Europe”. In altre parole, Team Europe, che era una caratteristica della risposta globale dell’UE al Covid-19, è destinato a rimanere una parte fondamentale della cooperazione allo sviluppo dell’UE. Questo deve essere letto non solo come un passo avanti in termini di efficacia (con l’obiettivo di migliorare il coordinamento tra i donatori dell’UE nei paesi partner), ma come parte del tentativo di dare un volto europeo ai progetti e ai programmi di aiuto sul campo.

Un nuovo inizio per la cooperazione internazionale dell’UE?
La DG per i partenariati internazionali mira a tracciare alcune nuove linee intorno alla cooperazione internazionale dell’UE. Tuttavia, non tutti gli stakeholders dell’UE hanno accolto con lo stesso calore questo renaming. Secondo Isabelle Brachet (ufficio EU di ActionAid), un vero passaggio a partenariati tra uguali richiederebbe innanzitutto l’accettazione di una condivisione più equa delle risorse e del potere più che un semplice cambio di nome. Sebbene il Commissario Urpilainen abbia definito un ruolo centrale nella promozione dei diritti umani, della democrazia e dello Stato di diritto, nessuna delle nuove direzioni della DG INTPA li include nei propri titoli.

Invece, le unità che si occupano del coinvolgimento della società civile (CSO) e delle autorità locali (AL) – che erano separate nell’ambito della DG DEVCO – sono state ora fuse nella nuova unità G2. Ma le autorità locali e le organizzazioni della società civile sono attori profondamente diversi: in tutto il mondo, la società civile ei difensori dei diritti umani stanno affrontando crescenti restrizioni alla loro partecipazione agli spazi democratici, che in molti casi minacciano la loro stessa esistenza. La nuova direzione generale dovrebbe creare più spazio ad hoc e un migliore coinvolgimento della società civile in tutto il mondo se vuole mantenere fede all’impegno della Commissaria Urpilainen.

Inoltre, la DG INTPA guarda oggi molto più da vicino al modo in cui funziona il Servizio Europeo per l’Azione Esterna (EEAS), sia nella struttura che nella narrazione utilizzata per presentarlo. Mentre il secondo dovrebbe occuparsi della politica estera dell’UE, il primo dovrebbe essere veramente guidato dall’impegno a raggiungere gli obiettivi concordati a livello internazionale, come quelli di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Una nota negativa a questo proposto è rappresentata dal fatto che ogni riferimento all’Agenda 2030 o alla coerenza delle politiche per lo sviluppo – entrambi impegni con cui l’Unione europea si è impegnata – è scomparso dall’organigramma della DG INTPA.

Tutte preoccupazioni che sollevano la questione chiave: se la DG INTPA funzionerà più come agenzia di sviluppo operativo (con il EEAS alla sua testa) o agirà come un organo più politico, mosso dagli interessi strategici dell’UE piuttosto che dagli obiettivi di sviluppo veri e propri.

L’anno 2021 mostrerà agli operatori e agli stakeholders che lavorano nello sviluppo quale percorso seguirà la Commissione europea. L’UE ha infatti in cantiere due importanti opportunità per dare forma alla nuova “etichetta” di Partenariati Internazionali. Dopo 3 anni di aspri negoziati, verrà ratificato e lanciato un nuovo accordo EU-OACPS. Nella primavera di quest’anno si terrà un vertice Unione africana-Unione europea sotto la presidenza portoghese dell’UE. Questi due eventi saranno fondamentali per l’UE per mostrare al mondo un vero cambio di paradigma, al di là del cambio di nome. (Articolo di Riccardo Roba  – Policy and Advocacy Officer presso Concord Euorpe)

 77 total views,  2 views today