Il cacao invade le foreste protette ghanesi e ivoriane
7 Giugno 2023 – 21:47

Africa, 7 giugno 2023
La coltivazione del cacao è direttamente collegata alla perdita di 386.000 ettari di foreste situate in aree protette in Costa d’Avorio e Ghana tra il 2000 e il 2020. A sostenerlo, un …

Leggi articolo intero »
Home » Africa

Il Burkina Faso è il secondo Paese al mondo più colpito dal terrorismo

a cura di in data 21 Marzo 2023 – 21:15Nessun commento

 

Africa, 21 marzo 2023

di di Andrea Spinelli Barrile

Il Burkina Faso è il secondo Paese al mondo più colpito dal terrorismo, dopo l’Afghanistan. Lo rivela l’ultimo rapporto del Global terrorism index (Gti), pubblicato pochi giorni fa, che fornisce una sintesi completa delle principali tendenze e dei modelli globali del terrorismo internazionale. Il rapporto di Gti tiene conto non solo del numero delle vittime ma anche del totale degli incidenti, degli ostaggi e dei feriti da terrorismo su un periodo di cinque anni. Dopo Afghanistan e Burkina Faso seguono Somalia, Mali, Siria e Pakistan.

Il rapporto Gti è prodotto dall’Institute for economics & peace (Iep) utilizzando in particolare i dati di TerrorismTracker, che fornisce record di eventi di attacchi terroristici dal 1 gennaio 2007: il set di dati in esame contiene quasi 66.000 atti terroristici per il periodo dal 2007 al 2022.
L’aumento del terrorismo nel Sahel è stato drammatico, aumentando di oltre il 2.000% negli ultimi 15 anni. La situazione politica nel Sahel aggrava questo aumento, con sei tentativi di colpo di stato dal 2021, quattro dei quali hanno avuto successo.
I gruppi terroristici più letali al mondo nel 2022 sono stati lo Stato islamico (Is) e i suoi affiliati, seguiti da al-Shabaab, Balochistan Liberation Army (Bla) e Jamaat Nusrat Al-Islam wal Muslimeen (Jnim). L’Isis resta il gruppo terroristico più letale al mondo per l’ottavo anno consecutivo, registrando il maggior numero di attacchi e morti di qualsiasi altro gruppo nel 2022. Nonostante ciò, le morti per terrorismo attribuite all’Isis e ai suoi gruppi affiliati, Stato islamico provincia di Khorasan (Isk), Stato islamico provincia del Sinai (Iss) e lo Stato islamico in Africa occidentale (Iswa) sono diminuiti del 16%.
C’è stato un rapido aumento delle morti attribuite a gruppi jihadisti sconosciuti nei paesi in cui opera l’Iswa, aumentando di 17 volte dal 2017 a 1.766 morti per terrorismo. La regione del Sahel nell’Africa subsahariana è ora l’epicentro del terrorismo, con il Sahel che ha registrato più morti per terrorismo nel 2022 rispetto all’Asia meridionale, al Medio Oriente e al Nord Africa (Mena) messi insieme.

 

I decessi nel Sahel hanno costituito il 43% del totale globale nel 2022, rispetto all’1% nel 2007, e due paesi, il Burkina Faso e il Mali, destano particolare preoccupazione: hanno rappresentato il 73% dei decessi per terrorismo nel Sahel nel 2022 e il 52% di tutti i decessi dovuti al terrorismo nell’Africa subsahariana. Entrambi i Paesi hanno visto aumenti sostanziali del terrorismo, con morti in Burkina Faso in aumento del 50% a 1.135 e Mali del 56% a 944. Anche gli attacchi in questi paesi stanno diventando più letali, con il numero di persone uccise per attacco che è aumentato del 48% da 2021.
La maggior parte degli attacchi in questi paesi sono attribuiti a gruppi jihadisti sconosciuti, sebbene sia Is che Jnim operino in questi paesi. L’escalation della violenza in Burkina Faso si è estesa anche ai paesi vicini, con Togo e Benin che hanno registrato i peggiori punteggi Gti di sempre.
I fattori sottostanti alla crisi del Sahel sono complessi e sistemici, tra cui l’uso improprio dell’acqua, la mancanza di cibo, la polarizzazione etnica, l’elevata crescita della popolazione, gli interventi esterni, la competizione geopolitica, i conflitti pastorali, la crescente ideologia transnazionale salafita-islamica e i governi deboli: la maggior parte delle attività terroristiche avviene lungo i confini dove il controllo del governo è più debole.
Degli 830 milioni di persone che soffrono di insicurezza alimentare nel mondo, il 58% vive nei 20 paesi più colpiti dal terrorismo. Una situazione in rapido deterioramento, secondo Gti: l’Africa sub-sahariana ha registrato il più alto aumento di morti per terrorismo, dell’8%. Il 60%, o 4.023, di tutte le morti per terrorismo nel mondo si sono verificate in Africa sub-sahariana e quattro dei dieci paesi con il più alto degrado del punteggio Gti si trovano nell’Africa sub-sahariana: Togo, Gibuti, Repubblica Centrafricana e Benin. Le morti per terrorismo nell’Africa subsahariana sono aumentate dell’8%, invertendo il leggero miglioramento registrato nel 2021.

(Andrea Spinelli Barrile)

 155 total views,  1 views today