Mali, fede e fango
28 Agosto 2022 – 22:46

Africa, 28 Agosto 2022
Le violenze jihadiste non fermano l’annuale restauro della Grande Moschea di Djenné. È il più grande edificio di fango al mondo e richiede ogni anno una meticolosa opera di risanamento, che coinvolge …

Leggi articolo intero »
Home » Domani

Il conflitto in Ucraina allunga il secolo breve

a cura di in data 12 Maggio 2022 – 22:13Nessun commento

Domani, 12 maggio 2022,
di Mario Giro (politologo)

La storia non è finita

La guerra in Ucraina allunga il Novecento: da “secolo breve”, terminato tra il 1989 e il 1991 con la fine dell’Urss e della Guerra fredda, si allunga
fino a questo fatidico 2022. Diviene così il “secolo lungo”: il Ventesimo che stende le sue trame nel Ventunesimo. Con esso terminano trent’anni di pace (relativa) e di dominio (quasi totale) dell’economia sulla politica. E’ il stato il tempo della globalizzazione che ha interconnesso tutto e tutti in nome dell’efficienza e dell’ottimizzazione, brutto neologismo che ha modellato i rapporti internazionali.
L’idea era che l’economia avrebbe favorito la pace, la stabilità e la prosperità generale perché il commercio odia le guerre e — se lasciato libero di agire — aiuta tutti ad arricchirsi. Era vero solo in parte. In questi tre decenni la povertà globale é effettivamente diminuita ma le disuguaglianze si sono accentuate: solo alcuni si sono arricchiti; molti altri per niente se non impoveriti. In altre parole: la ricchezza è aumentata ma la sua distribuzione è stata pessima tanto da aumentare le tensioni e smentire la promessa di stabilità e pace.

Pur sollecitato, il sistema neoliberale non è riuscito a correggersi, scommettendo sugli effetti quantitativi senza considerare quelli qualitativi.
Il risultato é sotto gli occhi di tutti: rabbia diffusa, rancore sociale anche nelle società ricche, ripresa delle identità locali o nativiste-indigeniste, populismi e wokismi, nostalgie sovraniste e ripresa dei nazionalismi…
Il tutto nel quadro di un oggettivo indebolimento degli stati che si sono visti scippare le chiavi del controllo finanziario, monetario e talvolta anche economico tout court
Il paradosso è stato che il cittadino continuava a chiedere a uno stato indebolito il sostegno (in casi di fragilità) e i servizi educativi, sanitari e sociali (per tutti) che non poteva più dare, mentre la privatizzazione non riusciva a coprire questi bisogni.
Gli effetti boomerang di un sistema che non è riuscito ad autoriformarsi si sono rafforzati al punto di riproporre instabilità che si credevano superate.
La frammentazione sociale sommata alla fragilità degli stati è esplosa in varie crisi, iniziando dalle aree più fragili (mondo arabo, Africa e America centrale) per poi contagiare tutti. In trent’anni di globalizzazione si era pensato di poter fare a meno anche delle regole multilaterali: cosi ci si è scoperti senza rete. Ora tocca ricostruire un intero nuovo sistema in un mondo disordinato e in bilico. La tendenza all’errore sarà più alta, la concorrenza tra nazioni spietata il rischio di conflitti aumentato.

Le regole della fine del Novecento non valgono più: occorre trovare un nuovo consenso o riproporre le vecchie rivedute e corrette.
Questa è la portata che attende chi negozierà tra Russia e Ucraina: forse non è la guerra tra Nato e Mosca ma certamente dovrà diventare il modello per la pace di tutti.

(Mario Giro)

 111 total views,  1 views today