L’unificazione africana tra miraggio e realtà
28 Maggio 2023 – 21:28

Africa, 28 maggio 2023
I confini degli Stati imposti dalle potenze coloniali europee hanno rappresentato per lungo tempo ferite che laceravano il continente. Esattamente sessant’anni fa i leader del continente iniziavano il lento ma storico cammino …

Leggi articolo intero »
Home » Domani

La forza silenziosa del movimento per la pace

a cura di in data 22 Gennaio 2023 – 21:18Nessun commento

Domani, 22 gennaio 2023,
di Mario Giro (politologo)

LA SPERANZA PER L’UCRAINA

Nel silenzio della politica, il movimento della pace, messo in moto dalla grande manifestazione del 5 novembre scorso, sta continuando a crescere. Il comitato promotore “Europe4peace’ prepara vari appuntamenti in Italia e all’estero. Intanto il 7 gennaio a Verona si è svolta una puntata di questa rete di convocazioni per la pace: l’auditorium della Gran Guardia era stracolmo per un incontro pubblico sul tema “La pace può vincere la guerra”, nel giorno del Natale ortodosso. Andrea Riccardi e Maurizio Landini hanno patrocinato questa tappa, assieme al sindaco Damiano Tommasi, al vescovo Domenico Pompili, Rossella Miccio di Emergency e Vanessa Pallucchi, portavoce del terzo settore. Il 10 gennaio a Bologna sempre Maurizio Landini ha partecipato alla marcia per la pace assieme al cardinale Matteo Zuppi, presidente della Cei. Come ogni anno c’è stata la manifestazione “Pace in tutte le terre’ organizzata dalla Comunità di Sant’Egidio a Roma, che confluisce in piazza San Pietro per l’Angelus di papa Francesco, e in molte città italiane. Tali iniziative toccano anche paesi latinoamericani (come Argentina o Perù), europei (Belgio, Germania, Austria, Olanda, Polonia, Spagna) e africani. Idealmente ci si raccoglie attorno alle parole d’ordine “pace e pane”: un legame che si è creato a Roma tra sindacati (capeggiati dalla Cgil) e cattolici promotori di pace, assieme alla miriade di altre sigle aderenti. La speranza dei partecipanti era per una tregua di Natale, avanzata dal papa, ma che purtroppo non è stata accettata.
Nell’attuale movimento per la pace confluiscono vari impulsi: nuovo modello economico, giustizia sociale, eguaglianza, democrazia e rispetto dell’ambiente. Si alza il velo sulle guerre dimenticate e sull’impatto ambientale dell’industria (inclusa quella ed energetica, a scapito della riconversione ecologica. La vera novità del 5 novembre è la saldatura tra mondo sindacale, cattolico, pacifista e ambientalista, con un contributo civico. Tale mix sta facendo da crogiolo a una nuova cultura della pace, del lavoro e dell’ambiente. Presto vi sarà una manifestazione nazionale simile a quella di Roma, che si terrà a Barcellona. L’ambizione è di moltiplicare tale modello in tutta Italia e in Europa, facendo emergere una forza di pace nella società civile a dimensione popolare. E liberare il tema della pace dalle pastoie delle polemiche in corso, per rifondare una sensibilità pubblica sul valore della pace e della convivenza. «Non ci si salva da soli» ma soltanto insieme e nel rispetto dell’ambiente: è questo il valore aggiunto dell’unità tra chi manifesta guardando alle vittime dei conflitti — come quelle in Ucraina, in Siria, Yemen o in Africa — e non si rassegna ad abituarsi alla guerra.

(Mario Giro)

 116 total views,  1 views today